Bagnara Calabra | Feste Patronali

Bagnara Calabra

Calabria, Reggio Calabria (RC), Tags: ,

SANTO PATRONO

San Nicola di Bari

DATA DELLA FESTA PATRONALE

6 dicembre

DESCRIZIONE DELLA FESTA PATRONALE

La più che millenaria storia della Città di Bagnara Calabra appare anche ad una lettura rapida, come un continuo e profondo intrecciarsi di fatti rilevanti socialmente con il manifestarsi della religiosità del popolo: un fenomeno che certamente comune ad altre realtà che per la sua complessità e vastità sia temporale che sociale, meriterebbe ben altro spazio e analisi di questa breve nota.

Il manifestarsi della religiosità popolare ha più volte provocato, accelerando e rallentando, il progresso e la crescita della cittadinanza. E’ stato alla base di alcuni fenomeni coinvolgenti tutta la popolazione: in una parola spesso e volentieri la storia civile si è identificata con la storia religiosa di questo popolo.

Fino alla metà circa del secolo XX numerosissime e frequenti erno le feste e le processioni in onore dei Santi e soprattutto della Madonna, che scandivano lo scorrere del tempo; non c’era mese senza che si celebrasse una festa.

Il rinnovamento della vita della Chiesa promosso dal Concilio Vaticano II da un lato, la crescente scolarizzazione della società italiana dall’altro hanno contribuito alla riduzione del numero (eccessivo) di feste e processoni, come alla purificazione della religiosità e pietà popolare, rendendo queste manifestazioni più conformi alla loro natura e alle autorevoli indicazioni del Magistero della Chiesa.

La caratteristica fondamentale che subito balza all’attenzione dell’osservatore è lo straordinario numero di feste in onore della Vergine Maria madre di Crito, invocata e celebrata sotto molteplici titoli. Attualmente nella città ci sono otto chiese, di cui ben sette sono dedicate alla Madonna; delle feste che annualmente si celebrano solo due sono in onore di Santi (Sant’Antonio da Padova il 13 giugno e i S.S. Pietro e Paolo il 29 giugno) mentre tutte le altre sono in onore della Vergine Maria.

Ed anche la tradizionale rappresentazione della Resurrezione di Gesù Cristo, a ‘ffrentata’, che si svolge nel pomeriggio del giorno di pasqua vede protagonista principale la Madonna.

La pietà mariana dunque caratterizza le festività e quindi le processioni, in maniera preponderante la religiosità popolare di questa cittadina.