Giffone | Feste Patronali

Giffone

Calabria, Reggio Calabria (RC), Tags: ,

FESTA PATRONALE

San Bartolomeo

DATA DELLA FESTA PATRONALE

14 agosto

DESCRIZIONE DELLA FESTA PATRONALE

La chiesa parrocchiale è dedicata a Santa Maria del Soccorso.

Tanta e tanta gente di Calabria, rivive a Giffone il suo momento di incontro e e di solidarietà per il culto di San Bartolomeo Apostolo.

Eccezionale la partecipazione di fedeli che seguono la processione, considerato anche il periodo estivo quando i giffonesi, che per lavoro sono stati costretti ad allontanarsi dal loro paese, vi fanno ritorno per le ferie estive. Una dolce occasione, un piacevole periodo per un rientro in coincidenza con i festeggiamenti in onore del santo amico invocato soprattutto nel momento del bisogno. Quindi l’opportunità di poter esprimere la propria fede verso il santo , radicata e per nulla intaccata.

I festeggiamenti vengono celebrati il due distinti giorni. Il primo, il 14 agosto quando, di buon mattino, ha inizio un pellegrinaggio che vede la partecipazione di migliaia di devoti al seguito della statua di San Bartolomeo. Meta del pellegrinaggio è il santuario diocesano, intitolato a San Bartolomeo, costruito con i contributi dei giffonesi, in contrada Contura a quota 950m sul Monte Locardi, su un terreno ceduto dall’amministrazione comunale.

Il santuario gode di un’invidiabile posizione geografica, e per tanto è meta di tanta gente che sceglie di trascorrere una giornata in un ambiente ancora incontaminato.

Giunti al santuario, deopo la celebrazione della messa, si rimane fino al pomeriggio in un ‘oasi di pace e tranquillità.

I festeggiamenti civili e religiosi più importanti si svolgono il 24-25 agosto con processione della statua del santo per le vie del paese. La processione diventa molto singolare quando attraversa il centro storico del borgo, caratterizzato da stradine , dalle scalinate e da viicoli strettissimi percorribili solamente a piedi e , dai balconi soprattutto le persone più anziane hanno la possibilità di manifestare il loro affetto a tu per tu col santo.

La processione in passato era preceduta da componenti del comitato che portavono gli stendardi, dove i fedeli attaccavano la loro offerta in denaro anche dai balconi. Gli stendardi, oggi, sono stati sostituiti da semplici cassette.

E’ tradizione che i portatori, giunti in piazza Vittorio Emanuele, alzino la statua del santo più volte con la sola forza delle braccia. La stessa cosa si ripete prima del rientro in chiesa.

In concomitanza della festa si svolge un’importante fiera con bancarelle che occupano le vie principali del paese. A Giffone si svolgono festeggaimenti anche in onore di San Giuseppe e della Madonna del Carmine.